La KTM 250 SX-F trionfa nel Campionato Mondiale MX2 ormai da diversi anni e ha appena aggiunto un altro titolo mondiale alla sua affollata vetrina dei trofei. Ma la cosa non sorprende. La combinazione di un motore potente e brillante con una ciclistica leggera e agile è destinata a far salire la KTM 250 SX-F su un podio dopo l’altro.

MOTORE

Il motore della KTM 250 SX-F è noto per essere il più forte nei paddock MX2. Arriva in un attimo al limite dei 14.000 giri, ma non lesina coppia e potenza in abbondanza a qualsiasi regime. La sua architettura compatta contribuisce alla centralizzazione delle masse, aumentando la guidabilità della moto. Con un peso di soli 26,1 kg. Incluso il vantaggiosissimo motorino d’avviamento elettrico.


SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO

Attraversando il triangolo del telaio, il collaudato sistema di raffreddamento KTM porta il liquido dalla testa cilindro direttamente ai radiatori WP in alluminio. Grazie alla circolazione interna a flusso ottimizzato e alla ventilazione dell’aria calcolata tramite CFD, il sistema vanta un’efficienza straordinaria. Inoltre, le nuove protezioni del radiatore offrono una migliore dissipazione del calore. Specialmente nel fango. Sono tra l’altro integrate nella parte anteriore degli spoiler, per proteggere i radiatori in caso di collisioni.


IMPIANTO DI SCARICO

I limiti di rumorosità imposti dalla FIM sono una vera sfida per tutti i costruttori. KTM ha dunque profuso un notevole impegno nello sviluppo dei suoi sistemi di scarico. Tutte le 4 tempi sono dotate di collettori di scarico con caratteristiche standard esclusive; una piccola camera di risonanza supplementare collegata al tubo. Tutte le 4 tempi sono dotate di un silenziatore corto, montato quanto più vicino possibile al motore. Sai bene cosa significa: più centralizzazione delle masse, migliore guidabilità. Il design interno all’avanguardia riduce il rumore abbastanza da rientrare comodamente nei limiti imposti, pur trasmettendo una sensazione da pelle d’oca.


TELAIO

Il telaio in acciaio al cromo-molibdeno leggero e high-tech garantisce una grande maneggevolezza, una guidabilità in scioltezza, un comportamento preciso in curva e un’eccellente stabilità. Abbina inoltre la massima rigidità longitudinale ad una rigidità torsionale ottimizzata. Ne consegue un migliore assorbimento dell’energia creata dalle sospensioni anteriori e posteriori che dissipa in modo ottimale salti e affondi. In breve, più comfort e meno fatica per il pilota. Le leggere flange laterali in alluminio per l’attacco del motore (il collegamento tra la testa cilindro e il telaio) contribuiscono alla precisione di guida in curva e a ridurre il livello di vibrazioni. Gli ingegneri sono riusciti a ottenere questi risultati pur alleggerendo il telaio di oltre un chilogrammo rispetto al migliore concorrente sul mercato. Inoltre, la manutenzione e gli interventi sono più semplici e lo spazio più generoso per il serbatoio e altri componenti. La moto presenta anche un telaietto posteriore extra leggero in profilati in alluminio stabili, che fermano l’ago della bilancia sotto i 900 g.


AMMORTIZZATORE

L’ammortizzatore WP è stato sviluppato considerando l’architettura di tutto il telaio e del forcellone, nonché il leveraggio e la forcella anteriore WP AER 48. È costituito da componenti lavorati a macchina, neri anodizzati. Un prodotto di fascia alta rispetto alle vaschette più grezze. Una nuova regolazione in grado di infondere fiducia con migliori caratteristiche di smorzamento si abbina perfettamente al settaggio sull’anteriore. Gli sgargianti colori WP, inoltre, fanno capire a tutti che sai il fatto tuo per quanto riguarda la sospensione.


FORCELLA

La forcella superleggera WP AER 48 da 48 mm USD pneumatica è stata sviluppata da WP in stretta collaborazione con KTM ed è dotata di funzioni separate per ogni stelo. Le funzioni di smorzamento si trovano sul lato destro, mentre la molla ad aria è situata a sinistra. Lo stelo sinistro è dotato di un sistema a due camere con cartuccia ad aria incapsulata per impedire eventuali perdite di pressione. Se la tenuta esterna iniziasse a perdere, la pressione della cartuccia interna manterrebbe la moto nella giusta posizione. La molla ad aria può essere regolata in modo semplice in funzione del peso del pilota attraverso una singola valvola. Non sono richiesti attrezzi speciali; la pompa in dotazione è perfettamente idonea allo scopo. Lo stelo destro integra una cartuccia di smorzamento per soddisfare qualsiasi esigenza. Lo smorzamento può essere regolato per le condizioni della pista o in base alle preferenze del pilota semplicemente registrando una ghiera (compressione in alto, estensione in basso, ciascuna con 30 clic). Così come esce dal concessionario, questa forcella (con caratteristiche di smorzamento rinnovate) è più confortevole e sensibile che mai. Ma se vuoi puoi spremerla ancora di più.

OFFICIAL SITEWEB

Leave a Reply