Pur non avendo un reddito, è stato visto e immortalato tante volte mentre scorrazzava con la sua Ferrari nera per le strade del Principato di Monaco, dove era riuscito “miracolosamente” ad avere la residenza. Ora la Procura di Roma ha accertato che Giancarlo Tulliani si era comprato la famosa F458 grazie ai soldi dell’imprenditore catanese Francesco Corallo, accusato di essere a capo di un’associazione a delinquere trasnazionale finalizzata al peculato, al riciclaggio e alla sottrazione fraudolenta del pagamento delle imposte. E che la residenza a Montecarlo l’aveva ottenuta sempre grazie al “re delle slot”, il quale gli aveva fornito la liquidità per acquistare l’appartamento lasciato in eredità ad Alleanza nazionale dalla contessa Colleoni e poi venduto (o meglio svenduto) da Gianfranco Fini al prezzo di 300 mila euro a una società offshore riconducibile al giovane cognato e alla compagna Elisabetta. …

CONTINUA

Leave a Reply